SoSi

Uva e Uvetta al Cane: Guida Completa ai Rischi

cane circondato da uva

Uva e Uvetta al Cane, ecco per te una Guida super completa dei rischi e di come gestire l’ingestione involontaria.

I cani possono mangiare l’uva?

I cani non possono mangiare l’uva, anche piccole quantità, circa 18,75 grammi per kg di peso del cane possono creare gravi problemi. Anche l’uvetta è molto tossica per i cani, ne servono circa 3 grammi per kg per creare gravi problemi.

Uva e Uvetta al cane cosa può causare?

Ecco una lista dei sintomi e pericoli dell’uva e uvetta per i cani:

  • Vomito
  • Diarrea
  • Letargia (stato di affaticamento o mancanza di energia)
  • Perdita di appetito
  • Debolezza o mancanza di energia
  • Dolore addominale
  • Disidratazione
  • Aumento della sete e della frequenza di urinazione (nei primi stadi)
  • Diminuzione della frequenza di urinazione (in seguito, a causa dell’insufficienza renale)
  • Tremori o convulsioni (in casi gravi)
  • Cambiamenti comportamentali (agitazione o depressione)
  • Insufficienza renale acuta (che può manifestarsi entro 1-3 giorni dall’ingestione)
 
Iniziamo e approfondiamo il tutto:

Capitoli

Capire la Tossicità che danno l’Uva e Uvetta al Cane

Uva e Uvetta al Cane, cosa devi sapere;

l’uva e l’uvetta sono estremamente tossiche per i cani, con dosi minime di 18,75 grammi per kg per l’uva e 3,125 grammi per kg per l’uvetta.

Possono causare gravi problemi di salute, come insufficienza renale.

La causa esatta di questa tossicità è ancora oggetto di studio, ma è fondamentale prevenire l’ingestione e intervenire rapidamente in caso di esposizione, consultando immediatamente un veterinario.

Sono 23 i Cibi più Tossici per il Cane. Questi alimenti sono molto comuni nella nostra dieta e alcuni sono veramente impensabili! L’uva e l’uvetta fanno parte di questi cibi, ma quali saranno gli altri?

cane che legge un libro

Uva e Uvetta al Cane: Un Pericolo Nascosto

L’uva e l’uvetta sono alimenti comunemente considerati innocui, ma per i cani rappresentano una seria minaccia per la salute.

Studi scientifici hanno evidenziato che dare l’uva e uvetta al Cane è molto pericoloso, esse sono altamente tossiche anche a dosi estremamente basse:

  • L’uva circa 18 grammi per kg di peso corporeo del cane
  • L’uvetta, anche meno, 3 grammi per kg.
 

Questa tossicità può portare a gravi conseguenze sanitarie che esploreremo qui sotto.

Il Mistero della Tossicità dell’Uva

Nonostante le ricerche, la sostanza specifica nell’uva che causa questa reazione tossica rimane sconosciuta.

È un problema che continua a confondere la comunità veterinaria, con alcune ipotesi recenti che suggeriscono l’acido tartarico come potenziale colpevole.

Conseguenze della Tossicità da Uva e Uvetta

La tossicità dell’uva e uvetta nei cani può manifestarsi con diversi sintomi, tra cui:

  • Vomito e/o diarrea entro 6-12 ore dall’ingestione.
 
  • Segni clinici che variano da letargia e vomito a lesioni renali acute.
 
  • In alcuni casi, insufficienza renale acuta.
 

Risolvere il Problema: Strategie e Prevenzione

Di fronte a questa minaccia, è cruciale adottare misure preventive e di intervento rapido:

  • Evitare l’Esposizione: Mantenere l’uva e l’uvetta fuori dalla portata dei cani.
 
  • Riconoscimento dei Sintomi: Essere consapevoli dei segni di avvertimento come vomito, diarrea e letargia.
 
  • Intervento Rapido: In caso di ingestione, è fondamentale agire immediatamente. Consultare un veterinario il più presto possibile è essenziale.
 

Oltre all’uva e uvetta ci sono tantissimi altri cibi super tossici per i cani, se non li sai tutti devi assolutamente leggere questa guida completa sull’Alimentazione del Barboncino Toy

Identificare i Sintomi di Avvelenamento da Uva e Uvetta

Dare uva e uvetta al cane può causare sintomi seri come vomito e diarrea, manifestandosi entro 6-12 ore.

Questi alimenti possono anche provocare letargia, perdita di appetito e, in alcuni casi, segni neurologici come tremori.

L’insufficienza renale acuta, potenzialmente fatale, può svilupparsi entro 1-3 giorni.

La risposta dei cani varia; alcuni reagiscono gravemente anche a piccole quantità di uva e uvetta mentre altri no.

Attenzione è la parola giusta in questi casi.

cane che legge i sintomi di avvelenamento da uva e uvetta

Segni Clinici Comuni dell’Intossicazione da Uva e Uvetta nel Cane

L’intossicazione da uva e uvetta nei cani può manifestarsi con diversi sintomi, che di solito compaiono entro poche ore dall’ingestione. Gli studi di PMC hanno rilevato che:

  1. Vomito: Si verifica tipicamente entro 24 ore nel 81% dei cani e entro 48 ore nel 100% dei casi studiati, con vomito e/o diarrea che possono contenere pezzi di uva o uvetta​​.

  2. Altri Sintomi Iniziali: Includono letargia, anoressia (perdita di appetito), polidipsia (sete eccessiva), e disidratazione. Questi sintomi possono comparire entro 6-12 ore dall’ingestione​​.

  3. Sintomi Neurologici: In alcuni casi, si osservano anche segni neurologici come tremori​.

  4. Insufficienza Renale Acuta: Può svilupparsi in 1-3 giorni, con segni clinici di insufficienza renale come oliguria (produzione ridotta di urina) o anuria (assenza di produzione di urina)​​.

Variabilità della Risposta e Tolleranza Individuale dei Cani

Un aspetto importante da notare è che la tolleranza all’intossicazione da uva varia significativamente tra i cani.

Alcuni cani possono tollerare piccole quantità senza effetti negativi evidenti, mentre altri possono subire gravi conseguenze anche con l’ingestione di un singolo acino d’uva​​.

Quindi sempre meglio non sfidare la sorte e stare molto attenti.

È essenziale agire rapidamente in caso di ingestione sospetta o confermata di uva o uvetta.

L’intervento tempestivo è fondamentale per aumentare le possibilità di un recupero completo.

Se si sospetta un’intossicazione, è importante cercare immediatamente cure veterinarie​​.

Cosa Fare se il Cane ha Mangiato Uva o Uvetta

Uva e Uvetta al cane, in caso di ingestione è vitale agire rapidamente rimuovendo i frutti dalla bocca, pulendo il muso e isolando l’animale dall’ambiente dove potrebbero esserci altri pezzi di cibo.

Si consiglia di contattare immediatamente un veterinario dando una stima della quantità di uva o uvetta ingerita.

In clinica, il trattamento può includere l’induzione del vomito, la somministrazione di carbone attivo e la fluidoterapia intravenosa.

Ora:

cane che dice di no a uva e uvetta

Passaggi Iniziali dopo l’Ingestione di Uva o Uvetta

Se un cane ha ingerito uva o uvetta, è cruciale agire immediatamente seguendo questi passi:

  • Rimozione dell’Uva/Uvetta dalla Bocca: Se sicuro, rimuovere eventuali frutti ancora presenti nella bocca del cane.
 
  • Pulizia del Muso: Usare un panno umido per rimuovere eventuali residui di succo sulla pelle.
 
  • Isolamento e Pulizia dell’Area: Rimuovere il cane dall’area e pulire eventuali frutti caduti per prevenire ulteriori ingestioni.
 
  • Stima dell’Ingestione: Notare la quantità di uva o uvetta ingerita. Se incerti, fare una stima.
 
  • Contatto Veterinario: Chiamare immediatamente il veterinario o un pronto soccorso veterinario per consulenza e assistenza.
 

Trattamento Clinico post ingestione

Una volta giunti in clinica veterinaria, il trattamento può includere:

Induzione del Vomito: Se l’ingestione è avvenuta nelle ultime 4-6 ore, può essere somministrato un farmaco per indurre il vomito.

Somministrazione di Carbone Attivo: Dopo il vomito, il carbone attivo può essere somministrato per prevenire l’assorbimento di sostanze tossiche.

Terapia Fluidica Intravenosa: In caso di ingestioni significative o di vomito/diarrea spontanea entro 12 ore dall’ingestione, si raccomanda una diuresi fluidica intravenosa aggressiva per un minimo di 48 ore per sostenere la funzione renale.

Gestione dell’Insufficienza Renale Acuta del cane 

In presenza di insufficienza renale acuta, dovuta all’ingestione di uva o uvetta il trattamento può includere:

  • Fluidoterapia Intravenosa: Per sostenere la funzione renale, può essere necessaria la fluidoterapia intravenosa fino a 72 ore.
 
  • Monitoraggio della Funzione Renale: Controllo regolare della produzione di urina e prelievi di sangue per monitorare i segni di miglioramento o peggioramento.
 
  • Medicazioni per Stimolare la Produzione di Urina: In caso di ridotta produzione di urina, possono essere somministrati farmaci come la dopamina e il furosemide.
 
  • Dialisi: Nei casi più gravi, la dialisi peritoneale o l’emodialisi possono essere necessarie, anche se la prognosi rimane incerta