Alimentazione del Cane in Gravidanza e Allattamento

Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2024

Alimentazione del cane in gravidanza e allattamento, capire le fasi e le esigenze nutrizionali è fondamentale, così come sapere quali alimenti scegliere e quali evitare.

In sintesi:

La gravidanza canina, che dura circa 63 giorni, richiede specifiche esigenze nutrizionali. Nei primi 30 giorni, mantenere una dieta equilibrata con proteine, vitamine e minerali. Dopo il 30° giorno, aumentare gradualmente l’apporto calorico fino al 30-50% per supportare la crescita fetale e poi la produzione di latte.

Sai quali sono i migliori integratori per cani in gravidanza e quanto latte produce una cagna al giorno?

Vediamolo insieme:
Capitoli

Gravidanza del Cane: Fasi ed Esigenze Alimentari

Alimentazione in gravidanza e allattamento nel cane. cane seduto con a fianco i piccoli.

La gravidanza nei cani, che dura circa 63 giorni, comporta cambiamenti significativi nelle esigenze alimentari.

Ogni fase della gestazione porta differenti requisiti nutrizionali per supportare sia la salute della madre che lo sviluppo dei cuccioli.

Prima Fase: Primi 30 Giorni

Durante le prime settimane, l’alimentazione del cane può rimanere relativamente invariata. Tuttavia, è essenziale mantenere una dieta equilibrata ricca di proteine di alta qualità, grassi essenziali, vitamine e minerali.

Ancora più importante è non cambiare la dieta da un momento all’altro, l’ideale è preparare il cane ancor prima di rimanere incinta alla nuova dieta. 

È importante consultare il veterinario per assicurare che la dieta attuale soddisfi le esigenze iniziali della gravidanza.

Seconda Fase: Giorno 30 fino al Parto

A partire dal 30° giorno di gravidanza, il fabbisogno calorico del cane inizia ad aumentare gradualmente, raggiungendo un incremento fino al 30-50% oltre il normale fabbisogno energetico.

È fondamentale incrementare la quantità di cibo gradualmente per prevenire un aumento eccessivo di peso che potrebbe complicare il parto.

Esigenze Nutrizionali Specifiche

  • Proteine: Essenziali per lo sviluppo del feto e dei cuccioli, le proteine devono essere presenti in quantità maggiori nel regime alimentare. Carne, uova e pesce sono ottime fonti. 
  • Acidi Grassi Essenziali: Gli acidi grassi Omega-3, come quelli trovati nel pesce e nell’olio di pesce, sono cruciali per lo sviluppo neurologico dei cuccioli.
  • Calcio e Fosforo: Importanti per il corretto sviluppo scheletrico, i sali minerali, devono essere bilanciati adeguatamente per evitare problemi di salute.
  • Vitamine: Vitamine con un bel multivitaminico prescritto dal veterinario può essere aggiunto per assicurare che la futura mamma riceva tutti i nutrienti necessari.
 

Quanto deve mangiare una cagnolina incinta?

Durante la gravidanza, la quantità di cibo somministrata a una cagnolina dovrebbe aumentare gradualmente a partire dalla quinta settimana, arrivando fino a un 50% in più rispetto alla normale razione giornaliera verso la fine della gravidanza.

È importante dividere questo aumento calorico in più pasti al giorno per facilitare la digestione e assorbimento dei nutrienti.

Cosa dare al cane per fare il latte?

Per stimolare una buona produzione di latte, è essenziale un’alimentazione ricca di calorie e nutrienti. Dopo il parto, il consumo calorico può raddoppiare rispetto al periodo pre-gravidanza. Alimenti ad alto contenuto proteico, come carne magra, sono ideali.

L’aggiunta di un supplemento di acidi grassi essenziali può anche aiutare. È fondamentale assicurarsi che la madre abbia sempre a disposizione abbondante acqua fresca, poiché una buona idratazione è cruciale per la produzione di latte.

Ogni cambio nella dieta durante la gravidanza e l’allattamento deve essere discusso e monitorato da un veterinario per garantire che le esigenze nutrizionali siano pienamente soddisfatte e per mantenere la salute ottimale sia della madre che dei cuccioli.

 

Allattamento del Cane: Fasi ed Esigenze Alimentari

L’allattamento è un periodo critico per una cagna e i suoi cuccioli. È essenziale garantire che la madre riceva una nutrizione adeguata per produrre latte di qualità e in quantità sufficiente, oltre a mantenere la sua salute.

Ecco le fasi e le esigenze alimentari durante l’allattamento.

Fasi dell’Allattamento

  1. Primi Giorni Post-Parto: Immediatamente dopo il parto, la cagna potrebbe non mostrare molto appetito. È normale nei primi uno o due giorni. Tuttavia, è cruciale che inizi a mangiare qualcosa per recuperare energia e iniziare la produzione di latte.

  2. Picco di Lattazione (3-5 settimane): Questo è il periodo in cui i cuccioli sono completamente dipendenti dal latte materno, e la domanda di latte è al suo massimo. La cagna può necessitare fino al doppio delle calorie rispetto al periodo pre-gravidanza.

  3. Svezzamento Graduale (dalla 4ª alla 8ª settimana): I cuccioli iniziano gradualmente a consumare cibo solido. Man mano che i cuccioli mangiano meno latte, puoi gradualmente ridurre l’apporto calorico della madre fino a tornare alla normale dieta pre-gravidanza.

Esigenze Nutrizionali Durante l’Allattamento

Le esigenze nutrizionali durante l’allattamento sono molto simili a quelle della gravidanza, con la differenza che questa volta le calorie necessarie aumentano.

Rivediamo bene i Macronutrienti e Micronutrienti essenziali per una cagna in allattamento:

  • Alto Contenuto Calorico: La dieta deve essere altamente energetica per sostenere la produzione di latte. Alimenti ad alta densità calorica sono preferibili.

  • Proteine di Alta Qualità: Essenziali per la produzione di latte, le proteine dovrebbero provenire da fonti facilmente digeribili come carne fresca, uova e latticini.

  • Grassi: Un incremento dei grassi nella dieta aiuta a fornire l’energia necessaria. Gli acidi grassi essenziali, in particolare gli Omega-3, sono anche importanti per il benessere della madre e lo sviluppo neurologico dei cuccioli.

  • Vitamine e Minerali: Particolarmente importanti sono il calcio e il fosforo, essenziali per il latte e per evitare il rischio di eclampsia nelle cagne. Supplementi vitaminici e minerali possono essere necessari sotto consiglio veterinario.

  • Idratazione: L’acqua gioca un ruolo cruciale durante l’allattamento. Assicurarsi che la cagna abbia sempre accesso a acqua fresca e pulita per facilitare la produzione di latte.

Pratiche Nutrizionali Consigliate

  • Frequenza dei Pasti: Aumentare la frequenza dei pasti può aiutare a gestire meglio l’alto fabbisogno energetico e a ridurre il carico su stomaco e intestini.

  • Qualità del Cibo: Preferire cibo di alta qualità, specificamente formulato per cani in lattazione, può garantire che la cagna riceva tutti i nutrienti necessari senza il bisogno di integratori esterni.

  • Monitoraggio e Adattamento: Monitorare il peso e la condizione fisica della cagna per adattare la dieta alle sue esigenze in continua evoluzione durante l’allattamento.

Quanto dura l’allattamento del cane?

L’allattamento nei cani dura generalmente dalle 6 alle 8 settimane. Durante questo periodo, i cuccioli iniziano gradualmente a consumare cibo solido, processo noto come svezzamento. Lo svezzamento inizia intorno alla quarta settimana e si completa di solito entro l’ottava settimana, quando i cuccioli passano completamente al cibo solido e smettono di dipendere dal latte materno.

Come far produrre più latte alla cagna?

Per stimolare una maggiore produzione di latte, è fondamentale che la cagna abbia un’alimentazione adeguata e un buon stato di idratazione. Aumentare l’apporto calorico con cibi ricchi di grassi e proteine di alta qualità è cruciale. Alimenti come il pollo, il manzo, le uova e i latticini possono essere utili.

Inoltre, assicurarsi che la cagna abbia sempre a disposizione acqua fresca e pulita è essenziale per mantenere una buona produzione di latte. In alcuni casi, i veterinari possono raccomandare integratori di acidi grassi Omega-3 per migliorare la qualità del latte.

Crocchette per cagna in allattamento

Per una cagna in allattamento, è ideale scegliere crocchette formulate specificamente per cani in gravidanza e lattazione. Queste crocchette sono generalmente arricchite con nutrienti essenziali come acidi grassi Omega-3, calcio, proteine e grassi extra per supportare la produzione di latte e mantenere la salute della cagna.

È importante selezionare un prodotto di alta qualità che rispetti gli standard nutrizionali raccomandati da organizzazioni come l’AAFCO (Association of American Feed Control Officials), che garantiscono che il cibo contenga tutti i nutrienti necessari per questa fase della vita.

 

Quali Cibi evitare per un Cane in Gravidanza e Allattamento

Durante la gravidanza e l’allattamento, il corpo di una cagna subisce numerosi cambiamenti che richiedono una nutrizione ottimale.

Non solo per mantenere la salute della madre, ma anche per garantire la crescita e lo sviluppo dei cuccioli.

Alcuni alimenti sono da evitare sempre, ma altri, che sono generalmente sicuri possono diventare rischiosi durante questi periodi delicati.

Ecco una lista di cibi da evitare:

Alimenti da Evitare per Cani in Gravidanza e Allattamento

  • Cibi Crudi o Mal Cotti: Questi includono carne, uova e pesce crudi. Possono ospitare batteri pericolosi come Salmonella ed E. coli, che possono causare infezioni e complicazioni durante la gravidanza e l’allattamento.

  • Ossa e Grassi eccessivi: Le ossa possono causare ostruzioni o lesioni interne. I grassi eccessivi possono portare a pancreatite, particolarmente in un periodo dove il metabolismo della cagna è già sotto stress.

  • Alimenti ad alto contenuto di ossalati: Alimenti come gli spinaci, la barbabietola e il rabarbaro contengono elevate quantità di ossalati. Questi possono contribuire alla formazione di calcoli renali, particolarmente in una cagna che necessita di rimanere ben idratata e con un carico renale già aumentato durante la gravidanza e l’allattamento.
 
  • Cipolle e Aglio: Cipolle e aglio possono causare anemia nei cani, distruggendo i loro globuli rossi. Anche in piccole quantità, ripetute nel tempo, possono essere tossici.

  • Avocado: Sebbene non comunemente noto, l’avocado contiene una sostanza chiamata persina, che può essere tossica per i cani in grandi quantità. La persina è presente in tutte le parti della pianta di avocado, inclusa la polpa. Un’eccessiva ingestione può causare disturbi gastrointestinali e, in rari casi, problemi al cuore.
 
  • Latticini non fermentati: Mentre un piccolo quantitativo di yogurt o formaggio può essere benefico, il latte e altri latticini non fermentati dovrebbero essere evitati. Molti cani sono intolleranti al lattosio, e il consumo di latte può portare a disturbi gastrointestinali come diarrea e gas, che possono aggravare lo stress sul corpo della cagna.
 
  • Cioccolato e Caffeina: Cioccolato e caffè sono ben noti per essere tossici per i cani, poiché contengono teobromina e caffeina, che possono influire negativamente sul sistema cardiaco e nervoso della cagna.

  • Uva e Uvetta: Anche piccole quantità l’uva e l’uvetta possono causare insufficienza renale acuta nei cani.

  • Alimenti Xilitolo: Questo edulcorante si trova in molti prodotti senza zucchero, come dolci e gomme da masticare. È altamente tossico per i cani e può causare un rapido calo della glicemia e insufficienza epatica.

  • Dolcificanti artificiali oltre al xilitolo: Mentre lo xilitolo è ampiamente riconosciuto come tossico, altri dolcificanti artificiali come l’aspartame e l’acesulfame K non sono ideali per i cani. Non sono tossici come il xilitolo, ma possono causare disturbi digestivi e non offrono valore nutrizionale.
 
  • Patate crude e solanacee non mature: Le patate crude, in particolare quelle verdi, contengono solanina, un composto che può essere tossico per i cani. La solanina può causare nausea, diarrea e, in casi gravi, insufficienza cardiaca. È importante cucinare le patate per ridurre il livello di solanina prima di offrirle come parte di una dieta.
 
  • Alimenti molto salati o speziati: Alimenti con alto contenuto di sale o spezie possono causare problemi gastrointestinali e disidratazione.

Non ti preoccupare, ti ho creato una tabella riassuntiva:

CategoriaAlimenti NO 
Cibi Crudi o Mal CottiCarne cruda, Uova crude, Pesce crudo
Ossa e Grassi eccessiviOssa, Grassi eccessivi
Alimenti ad alto contenuto di ossalatiSpinaci, Barbabietola, Rabarbaro
Cipolle e AglioCipolle, Aglio
Frutti TossiciAvocado, Uva, Uvetta
Latticini non fermentatiLatte (non fermentato)
StimolantiCioccolato, Caffeina
EdulcorantiXilitolo, Aspartame, Acesulfame K
Alimenti crudi con solaninaPatate crude (soprattutto se verdi)
Alimenti molto salati o speziatiAlimenti con alto contenuto di sale o spezie

Integratori per Cagne Gravide

L’uso di integratori può essere un modo efficace per supportare la salute della cagna e il corretto sviluppo dei cuccioli, ma deve essere fatto con prudenza e sotto guida professionale per evitare complicazioni.

Vediamo gli integratori più usati durante il periodo di gravidanza e allattamento del cane:

  • Acidi Grassi Omega-3: Sono fondamentali per lo sviluppo del cervello e degli occhi dei cuccioli. Gli acidi grassi Omega-3, in particolare DHA (acido docosaesaenoico), possono essere assunti attraverso integratori di olio di pesce.

  • Calcio: Deve essere gestito con cautela. Il calcio è cruciale, specialmente nella fase tardiva della gravidanza e durante l’allattamento, ma l’aggiunta di calcio senza il controllo di un veterinario può causare più danni che benefici, portando a condizioni come l’eclampsia. Spesso il calcio è integrato attraverso la dieta.

  • Ferro: Questo minerale è vitale per prevenire l’anemia, soprattutto se la cagna ha una grande cucciolata. Gli integratori di ferro possono essere consigliati se la dieta non ne fornisce a sufficienza.

  • Acido folico: Un tipo di vitamina B che può prevenire i difetti congeniti nei cuccioli. L’acido folico è particolarmente importante nelle prime fasi della gravidanza.

  • Multivitaminici: Un integratore multivitaminico e minerale può essere raccomandato per assicurare che la cagna riceva una copertura completa di tutte le vitamine e minerali necessari, specialmente se la dieta quotidiana non è sufficientemente bilanciata.

Gravidanza del Cane: Sovrappeso e altri Disturbi

La gravidanza nel cane, se non gestita correttamente, può portare a una serie di disturbi, tra cui il sovrappeso, che è uno dei problemi più comuni.

Gestire il peso e monitorare la salute generale di una cagna incinta sono cruciali per garantire una gravidanza e un parto sani.

Cause: Il sovrappeso durante la gravidanza può derivare da un eccessivo aumento calorico, soprattutto se la cagna consuma più cibo del necessario o se il suo regime alimentare è troppo ricco in grassi.

L’aumento di peso della cagna durante questo periodo, anche se come detto prima, le calorie possono aumentare fino al 50%, deve essere di massimo il 25-30% del peso di partenza.

Anche la riduzione dell’attività fisica durante la gravidanza contribuisce all’aumento di peso.

Rischi: Il sovrappeso può portare a complicazioni durante il parto, come il parto distocico (difficoltà nel partorire), che può richiedere un intervento chirurgico (cesareo). Inoltre, le cagne sovrappeso possono avere maggiori difficoltà nel recuperare dopo il parto e possono essere meno capaci di prendersi cura dei loro cuccioli.

Assicurarsi che la dieta sia bilanciata e non eccessivamente calorica, è facile farsi prendere e sbagliare in questa delicata fase.

Le diete formulate per cani gravidi o in allattamento sono ideali poiché sono bilanciate per sostenere la gravidanza e l’allattamento senza causare un aumento di peso eccessivo.

Altri Disturbi Comuni in Gravidanza

Eclampsia: Questa è una condizione potenzialmente letale che si verifica a causa di un basso livello di calcio nel sangue (ipocalcemia) e di solito si manifesta nelle ultime settimane di gravidanza o durante l’allattamento. I sintomi includono convulsioni, febbre e rigidità muscolare.

Diabete Gestazionale: Può svilupparsi durante la gravidanza e di solito risolve dopo il parto. È importante controllare il livello di glucosio nel sangue e regolare l’alimentazione.

Problemi Respiratori: Con l’avanzare della gravidanza, l’aumento del peso e il cambiamento nella posizione degli organi possono mettere pressione sul diaframma, causando difficoltà respiratorie.

Disturbi Digestivi: Nausea o indigestione possono verificarsi a causa delle modifiche ormonali e dello spostamento fisico degli organi interni a causa dell’ingrandimento dell’utero.

Quanto Latte produce un Cane al Giorno?

La quantità di latte prodotta da una cagna può variare considerevolmente a seconda di diversi fattori, tra cui la razza, le dimensioni, il numero di cuccioli e la salute generale della madre.

In generale, una cagna può produrre tra i 100 ml e oltre 1 litro di latte al giorno, distribuito su varie poppate.

Tuttavia, queste sono solo stime generali e la produzione effettiva può variare notevolmente.

Fattori che influenzano la produzione di latte

  1. Dimensioni del Cane: Cani di razze più grandi tendono a produrre più latte rispetto a quelli di razze più piccole.

  2. Numero di Cuccioli: Maggiore è il numero di cuccioli, maggiore è la domanda di latte, il che può stimolare una maggiore produzione da parte della madre.

  3. Salute e Nutrizione: Una cagna ben nutrita e in buona salute è più probabile che produca una quantità adeguata di latte. La nutrizione durante la gravidanza e l’allattamento è cruciale; una dieta ricca di calorie, proteine, grassi e acqua è essenziale per una buona produzione di latte.

  4. Fase dell’Allattamento: La produzione di latte aumenta progressivamente dal parto fino al picco di lattazione, che di solito si verifica tra la terza e la quarta settimana dopo il parto, diminuendo poi man mano che i cuccioli iniziano lo svezzamento.

Monitoraggio della Produzione di Latte

Se sospetti che la produzione di latte della cagna non sia sufficiente per i suoi cuccioli, è importante osservare alcuni segni:

  • Cuccioli che piangono frequentemente e sembrano irrequieti possono indicare che non stanno ricevendo abbastanza latte.
  • Verifica del peso dei cuccioli: I cuccioli dovrebbero guadagnare peso regolarmente; una mancata crescita può essere un segno di insufficiente apporto di latte.
 

In caso di preoccupazioni sulla produzione di latte o sulla salute dei cuccioli, è fondamentale consultare un veterinario. Può fornire consigli specifici e, se necessario, integratori o alternative per supportare l’allattamento.

E cosa fare se il cane non produce abbastanza latte?

Il Cane non produce abbastanza Latte durante l'allattamento

Se una cagna non produce abbastanza latte per i suoi cuccioli, è importante intervenire per garantire che i cuccioli ricevano un’alimentazione adeguata e per aiutare la cagna nella stimolazione della produzione di latte.

Ecco alcuni passi da seguire:

  • Verifica e Ottimizza la Nutrizione della Cagna
 

Assicurati che la cagna riceva una dieta ricca di calorie, proteine e grassi buoni. Un’alimentazione adeguata è fondamentale per una buona produzione di latte.

  • Se non hai ancora contattato un veterinario, questo è i momento.
 

Incrementare leggermente l’apporto calorico può aiutare, ma questo dovrebbe essere fatto sotto la guida di un veterinario.

  • Incrementa l’Idratazione
 

La produzione di latte richiede molta acqua, quindi è essenziale che la cagna abbia sempre a disposizione acqua fresca e pulita.

  • Stimolazione Fisica
 

Incrementare la frequenza delle poppate può aiutare a stimolare le ghiandole mammarie a produrre più latte. Assicurati che tutti i cuccioli abbiano la possibilità di attaccarsi e succhiare correttamente.

  • Gestione dello Stress e del Riposo
 

Un ambiente tranquillo e confortevole può contribuire a ridurre lo stress della cagna, favorendo una migliore produzione di latte. Assicurati anche che la cagna abbia la possibilità di riposarsi adeguatamente.

  • Controllo Veterinario
 

Se sospetti che la produzione di latte sia insufficiente, è importante consultare un veterinario. Possono esserci motivi medici dietro la scarsa produzione di latte, come problemi ormonali, infezioni delle ghiandole mammarie (mastite), o altri problemi di salute che necessitano di trattamento.

  • Formula Sostitutiva per Cuccioli
 

Se i cuccioli non stanno ricevendo abbastanza nutrimento dalla madre, potrebbe essere necessario integrare con una formula per cuccioli appositamente formulata.

Articoli Correlati
Attenzione

Disclaimer: Le informazioni fornite in questi articoli sono basate su ricerca e esperienza personale e sono offerte esclusivamente a scopo divulgativo e informativo. Questi contenuti non sono destinati a fornire consigli veterinari, a formulare diagnosi, o a prescrivere trattamenti per il tuo animale domestico. È fondamentale non utilizzare queste informazioni per sostituire il rapporto diretto tra veterinario e paziente o la visita specialistica veterinaria. Incoraggiamo i proprietari degli animali a consultare sempre un veterinario qualificato per qualsiasi domanda o preoccupazione riguardante la salute e il benessere dei loro cani. Questi articoli dovrebbero servire come punto di partenza per esplorare temi di interesse e stimolare la curiosità, ma le decisioni relative alla cura del tuo animale domestico dovrebbero sempre essere prese in collaborazione con un professionista veterinario. In caso di dubbi o per discutere l’applicabilità di qualsiasi informazione a situazioni specifiche, contatta direttamente il tuo veterinario.